Farmville dal virtuale al reale

La direzione di una grande fattoria del Regno Unito ha pensato bene di trasformare Farmville, il gioco virtuale che spopola su Facebook, in realtà.

Per una quota di 30 sterline all’anno, la Winpole Home Farm, una azienda agricola che appartiene al National Trust, associazione inglese che difende il patrimonio naturale e culturale, permetterà a 10.000 persone di diventare fattori on-line.La fattoria, che alleva ovini, bovini, pollame, capre e cavalli, si estende su 1.200 acri e la sua produzione, oltre alla carne, al latte e alle uova, comprende anche frumento e ravizzone.

Ispirandosi al famoso gioco, ogni mese, e per un anno, agli iscritti verrà chiesto di prendere parte alle votazioni per decisioni importanti che riguardano la gestione della fattoria.

Sul sito web della fattoria, che si trova nel Cambridgeshire, ci saranno video, webcam e informazioni sull’andamento dell’allevamento e delle coltivazioni, oltre a consigli forniti da esperti. A tutti gli abbonati verrà data la possibilità di visitare dal vivo la Winpole Home Farm.

Il progetto, secondo la direttrice del National Trust, Fiona Reynolds, è nato per ricollegare la gente alle fattorie, dando loro la possibilità di sentirsi coinvolti e capire meglio come il cibo che mangiamo finisca nel carrello della spesa.

Sicuramente una operazione di marketing sociale, vedremo se la realtà l’avrà vinta sul virtuale puro.