… l’importante è quello che provi mentre corri

Non avrei mai immaginato che fosse così complesso preparare contemporaneamente due eventi sportivi tanto vicini, e diversamente impegnativi, dal punto di vista fisico.
Tra cinque giorni, a Lignano, parteciperò alla gara di triathlon sprint, per rispetto ai tanti che hanno creduto nel Progetto H2O e hanno contribuito alla causa, donando a favore di Calicanto Onlus.
Domenica 8 maggio, invece, parteciperò ad una mezza maratona in quel di Londra, e in questo caso è stato un progetto familiare, visto che la decisione di partecipare a questo evento è partita da Mara, che ha proposto di allenarci a distanza, assieme ai nostri figli, Nicole e Filippo, e di cercare di tagliare il traguardo, magari non assieme, magari con tempi diversi, nello spirito di quanto disse Jesse Owens: “Non importa che cosa trovi in fodo ad una corsa, importante è quello che provi mentre corri”. Frase ripresa e resa famosa da Faletti nel film Notte prima degli esami.

Pertanto la difficoltà che si incontra è quella di riuscire a preparare due eventi così tanto diversi per prestazione fisica.
Il triathlon sprint prevede una sequenza di tre attività sportive, nuoto, bici e corsa, su distanze relativamente brevi, per un impegno fisico che, per me, significa circa un’ora e mezza.

La mezza maratona, invece, si concentra in una attività sola, la corsa, ma protratta per un tempo più lungo. Nel mio caso attorno alle due ore.

Oggi, pertanto, a cinque giorni dall’impegno triplice, cadeva uno degli ultimi allenamenti lunghi per la mezza maratona. Un percorso di 18 km che ho portato a termine, come sempre, cercando di sfruttare le carrarecce e i sentieri attorno a casa mia, inserendo il più possibile delle salite per adattare il fisico allo sforzo e cercare di riprodurre, in allenamento, delle difficoltà superiori a quelle che poi troverò in gara.

Speriamo che questo lungo non pregiudichi la performance della parte di corsa di sabato. Cinque soli chilometri, ma corsi con alle spalle una bella nuotata in mare aperto e venti chilometri in bicicletta. Staremo a vedere. Stay tuned.