E’ tempo di ricaricare le pile

Se sei qui, significa che sei un #foreveryoung e qualcosa stai facendo. Insomma non sei sprofondato sul divano a mangiare patatine.
L’estate è terminata e probabilmente, dopo i molti allenamenti invernali e primaverili, avrai anche fatto qualche gara, magari di corsa o di bici, oppure di triathlon.
Adesso è tempo di prenderti un po’ di riposo per fare in modo che il tuo corpo, e soprattutto la tua mente, possano ricaricarsi.
Prendersi una pausa a fine stagione agonistica permette di ritemprarsi ed è dimostrato che chi lo fa, riprende con maggior entusiasmo gli allenamenti invernali e il tasso di abbandono dell’attività sportiva è meno frequente.
Purtroppo molti degli atleti hanno difficoltà a staccare, hanno paura che o stop di qualche settimana, soprattutto dopo una certa età, sia poi difficile da recuperare e, quindi, tendono a stressare troppo il proprio fisico, ma soprattutto la propria mente e, quindi molto spesso assistiamo a dei veri e propri cedimenti psicologici, di atleti maturi che appendono le scarpette al chiodo o chiudono la bici in garage e non ne vogliono più sapere di praticare attività sportiva e si mettono sul divano fare zapping.
Prendersi una pausa significa rilassarsi e concentrarsi maggiormente su altri aspetti importanti della vita, come la famiglia o gli amici. Dobbiamo sempre avere ben chiaro quale sia lo scopo di praticare sport in un #foreveryoung. Non abbiamo più l’età per i risultati assoluti, non dobbiamo stressare il nostro corpo e la nostra mente per cercare la performance a tutti i costi. Noi non siamo atleti professionisti, lavoriamo la maggior parte delle ore della nostra giornata e lo sport ci deve servire, come altre attività, a liberarci dallo stress e, quindi, non deve diventare a sua volta stress.
Il problema è che per gli atleti di endurance, anche se hanno passato una certa età, non è facile prendersela comoda e si rischia di sentirsi in colpa per soltanto pochi giorni di riposo.
Si teme di ingrassare, di riprendere in poco tempo quei chili che si è faticato tanto a perdere, o di scivolare di nuovo in una vita sedentaria e non riuscire a ricominciare mai più.
In questo post cercherò di spiegare il modo migliore per prendere una pausa di fine stagione in modo da non perdere la forma fisica o la motivazione.
Dopo l’ultima gara di stagione prendiamoci una settimana intera di riposo totale.
Questo serve a rompere l’abitudine dell’allenamento quotidiano e lasciare che il corpo si riprenda da solo. Questo può essere il momento delle lunghe passeggiate.
Dopo questa settimana di riposo completo, dovrebbero seguire da tre a sette settimane di recupero attivo. Non c’è una regola generale valida per tutti. Qualcuno sentirà la necessità di riprendere seriamente ad allenarsi già dopo tre settimane, altri ci metteranno due mesi. Lo ripeto sempre, non siamo macchine, ognuno deve imparare ad ascoltare i segnali che gli lancia il proprio corpo.
In queste settimane di recupero attivo, dovremmo dedicarci agli esercizi cardiovascolari leggeri, non pianificati né strutturati. Un’oretta al giorno di esercizio blando, assolutamente aerobico, con almeno due giorni di riposo completo a settimana.
A questo punto dovremmo sentire dentro di noi lo stimolo per ricominciare.
In questa fase dovremo favorire un ritorno graduale agli allenamenti adeguati.
Questo periodo dipende da quale sia l’obiettivo della prossima stagione, in pratica si tratta di un periodo intermedio per, passatemi il termine, prepararsi ad allenarsi.
Il volume settimanale sarà vicino alla metà di quello che saremo chiamati a fare più avanti nel corso dell’anno. La durata di questa fase, che ormai non possiamo più chiamare di recupero stagionale, non saremo più in off-season, dipende molto dai nostri obiettivi e dall’allenamento specifico che avremo pianificato. Ma di questo potremo parlare in un altro post.

Tocchiamo invece un argomento che fa paura a molti di noi. Come fare per non ingrassare durante la pausa di fine stagione
Ricordiamoci che questa pausa è necessaria per recuperare mentalmente e per rilassarci completamente, quindi prendere qualche chilo non sarà la fine del mondo.
Questo periodo rappresenta una grande opportunità per dedicare tempo alla famiglia e agli amici, piuttosto che concentrarsi sul proprio sport. Quindi una piccolo aumento di peso va bene, perché sarà poi abbastanza facile perderlo una volta tornato all’allenamento pieno.
In ogni caso bisogna stare un po’ attenti. Più peso si acquista e più tempo ci vorrà per perderlo. Quindi uno, due chili può andar bene, ma dobbiamo cercare di non prenderne di più.
Il segreto, che poi non è così segreto, ma spesso è molto difficile rispettarlo, è quello di ridurre l’apporto calorico, bilanciandolo sui livelli di attività, che sono ridotti rispetto al solito. Questo significa consumare meno nei giorni in cui non ci si allena, cosa che è più facile a dirsi che a farsi forse, ma d’altra parte questo è l’unico modo.
In ogni caso va considerato che per guadagnare un chilo di peso si devono consumare circa 3500 calorie, oltre al normale apporto calorico per il mantenimento del peso.
Quindi, se non si sta facendo esercizio fisico, ma si mantiene il solita regime alimentare, si prenderà circa un chilo di grasso corporeo ogni settimana. E questo noi non lo vogliamo.
Come detto sopra, la pausa di fine stagione è necessaria anche per il benessere mentale. Quando ci allena quasi tutti i giorni, ci sono sinceramente pochi spazi per altre attività, considerando che per vivere dobbiamo lavorare e siamo inseriti in un tessuto sociale che ci occupa per la maggior parte del tempo rimanente.
Pertanto in questo periodo sfrutta le ore che non impieghi ad allenarti per fare quello che non riesci a fare nel resto dell’anno. Che ne so, taglia la siepe in giardino, oppure vernicia quelle persiane che hai promesso di fare a tua moglie chissà quanto tempo fa. Svaga la tua mente e vedrai che presto la voglia di tornare ad allenarti ti riconquisterà.
In fin dei conti abbiamo detto che soltanto per una settimana saremo ad allenamento zero, quindi il vuoto non dovrebbe essere così grande. Consideriamolo una preziosa opportunità per fare tutte le cose che normalmente non riusciamo. Ne guadagnerà sia il fisico che lo spirito.

Please follow and like us: