2019, un anno da incorniciare

Tradizionalmente il 31 di dicembre si fanno i bilanci dell’anno che si sta concludendo e si definiscono gli obiettivi per l’anno che sta entrando. Il 2019 per me è stato un anno memorabile, secondo, forse, soltanto a quell’irraggiungibile 1986, che cambiò totalmente la mia vita.

Per il 2019 mi ero posto cinque obiettivi, che sono riuscito a raggiungere.

Ho accompagnato, come relatore, diversi studenti a quel passo importante della vita che è la tesi di laurea, l’ultimo attimo di giovinezza che ti spalanca le porte della maturità.

Ho completato il mio primo IronMan 70.3, una gara di triathlon medio, sport che ormai fa parte della mia vita dal 2013.

Ho attraversato a nuoto lo Stretto di Messina, un sogno che covavo fin da bambino e che ritenevo irraggiungibile.  In quell’occasione ho raccolto fondi per il progetto End Polo Now del Rotary International, che si prefigge di eradicare la Poliomielite dal Mondo.

Ho completato il percorso magistrale e mi sono laureato in psicologia clinica. È stata la mia terza laurea, ma il primo passo di un lungo percorso che mi vedrà impegnarmi per i prossimi anni. Quella che io chiamo la mia quinta vita.

Per il 2020 ci sono altri obiettivi già definiti, ma il principale sarà quello di essere un ottimo marito della Presidente, di stare vicino alla compagna della mia vita in questo biennio tanto impegnativo, quanto importante per la sua vita.

E voi avete già fatto un bilancio del vostro 2019 e definiti gli obiettivi per il nuovo anno? Vi auguro un felice 2020, siamo nati per essere felici, cerchiamo di non distrarci.

Please follow and like us: